Archivio mensile:giugno 2018

Bosnia and the ‘new Balkan route’/ Bihac

Bosnia.map

ITALIAN TRANSLATION BELOW

A growing number of refugees and other migrants are using the new Balkan route through Albania, Montenegro and Bosnia to reach the EU. Many passed recently to Bosnia from Serbia. An estimate 4000 to 5000 migrant people are now in Bosnia, most of whom want to continue northwards. Numbers are a matter of guess, since people are on the move and most are not in official camps. They are forced in the most squalid living conditions by deliberate abandonment by the State. According to a recent report from Human Rights Watch, Bosnia is ‘failing to protect asylum seekers http://www.infomigrants.net/en/post/8951/hrw-bosnia-is-failing-to-protect-asylum-seekers

3270 are in the official camps in Serbia, according to the authorities, no data for those who are not in the camps. Hundreds of thousands of migrants and refugees passed through the Balkan route in 2015, trying to reach Western Europe, but Bosnia, Montenegro and Albania were mostly not part of that route, which was partly shut down in 2016 through increased border controls and miles of razor wire fences. People still pass through the Balkans but it is much more difficult, smugglers get fat and the human flood has become a trickle. To tackle this new ‘refugee crisis’ the authorities in the region held a meeting in Sarajevo the 7th of June, in which took place also Hungary and Austria. Objective of the meeting is to avoid the ‘crisis’ of 2015, and strengthen co-operation between the States to stop people from crossing borders. The possible creation of a new database of biometric data has been mentioned, to ensure those entering do not have already been refused by EU States. On the same day, the EU announced 1.5 million euros to Bosnia to manage the ‘crisis’.

The Croatian border is already very difficult to cross, and police violence very high. On the night between 30 and 31 May, Croatian police opened fire on a van carrying migrants from Bosnia, seriously injuring two 12 years old children, a boy and a girl, who were  put in intensive care. There were 29 people in the van, 15 were children, the youngest 7 years old. In total, 7 people ended up in hospital. Both children had facial wounds from gunfire. One of them was transferred to Zagreb hospital for the additional reconstructive surgery of the jaw and face. A man was shot and injured by Croatian police the 6th of June. https://medium.com/are-you-syrious/ays-daily-digest-31-05-2018-two-refugee-children-shot-by-croatian-police-5c3c811e0f07 

 Update on the case of children shot by the Croatian police near the Bosnian border

via Are You Syrious

AYS has reported on the shooting by the Croatian police that happened in the night of May the 30th around 10 PM near the town Donji Lapac and Plitvice Lakes. The police opened fire on a van which appeared to be smuggling refugees from Bosnia and Herzegovina. Two 12 year old children — a boy and a girl from Iraq were severely wounded by the police bullets, as well as the father of one of the children.

As soon as we could, we took their statements for the investigation and reporting purposes.

We must stress that the families are determined in their decision to investigate the shooting.

https://medium.com/are-you-syrious/ays-daily-digest-9-6-18-dangerous-fruits-of-the-in-securitisation-195b81efa3ec

View story at Medium.com

There are many other reports of police brutality in Croatia, including pepper spray, dog attacks, savage beatings and some broken bones. A woman had an abortion after being beaten by Croatian police. Confiscation of money and personal belongings though illegal is common practice, as well as destruction of mobile phones. Push backs of people who are already on Croatian territory are illegal but a common occurrence. The UNHR recorded 3000 cases of illegal push backs from Croatia in 2017, may be the tip of the iceberg. Medicins Sans Frontieres recorded 7 deaths at the Croatian border on the same year, real numbers may be higher. A 6 years old Afghan girl, Madina Hussiny, died after being run over by a train, after an illegal push back by Croatian police at the Serbian border. Her family was detained for weeks after the incident, children included.

 https://www.theguardian.com/world/2017/dec/08/they-treated-her-like-a-dog-tragedy-of-the-six-year-old-killed-at-croatian-border

 To the dangers of crossing borders must be added the danger of unexploded landmines left over from the war. 

There are also reports of illegal push-backs from Slovenia. Slovenia has placed barbed wire over 170 km along the Croatian border in 2017, improving the barbed wire of 2016. People still pass if they are lucky, but sometimes have to wander in the woods for days. Many migrants complain of local people calling the police, in Croatia and also in Slovenia too. A group of Iranians including a woman told me that near the Italian border they were stopped and arrested by Slovenian police, who then handed them over to Croatian police. The Croatian policemen took their money and belongings, telling them they will return them at the border, but at the Bosnian border the policemen refused to return money and belongings, and when people kept asking they hit them with truncheons. One man lost more than 1000 euros, all he had. The police also broke all their mobile phones, and returned them to Bosnia with the clothes they were wearing. Another woman told us, crying and broken after the umpteenth pushback, she had 18.000 euros: in a few months she lost everything to pay the smugglers, and the police took her last money . She and her husband were engineers in Iran and they had a good life, they were forced to flee the regime.

We saw police arresting an Afghan family in Slovenia, not far from the Croatian border. A policeman, unexpectedly polite and almost friendly, told us they were taking them to hospital. We spoke to the family, a man who speaks good English and two women, who are his mother and his young wife. They had been walking in the ‘jungle’ for four days. The man had a broken leg from falling, the two women were totally exhausted and lying down. We gave them water, fruit, biscuits and chocolate, all the food we had as they were hungry and dehydrated. Then a police van arrived to collect them. We are unable at this stage to verify if they were really taken to hospital.

This family were coming from Bihac, where we had just been. A local Red Cross worker estimates up to 2000 migrant people may be there, 1500 in the small town of 60.000 inhabitants, 500 sleeping in woodlands. Again, numbers may be a guess. Local people are very welcoming. There are an estimate 300 to 500 at Velika Kladusa including many families with young children and pregnant women, camping out, and there are some 800 migrants in Sarajevo. There are food and aid distribution in all these places, done by volunteers and the donations come almost exclusively from local people. Migrants are taken from Sarajevo, 250 at a time, put on coaches quite forcibly and taken to Salakovac, an official camp near Mostar, 129 Km south of Sarajevo. Most leave again to go nearer the border.

Bihac report

In Bihac there is no official camp but two dilapidated buildings where people are sleeping. One is a huge building whose construction was abandoned because of the war, it is squatted and houses only single men. In the other building, in no better conditions, people have been allowed to stay by the local council, but the  building is very unsafe and unhealthy. The windows have no glass and there are no railings to the stairs. Overcrowding is very severe, and families with young children and babies are mixed with adult men. There are no safety exits: if a fire or a fight broke out people would have no escape. There are many women, children and teenagers. I saw an old women holding a baby, this family sleep in the most overcrowded of the rooms, as most families, because it is dry, elsewhere the rain filters inside. A Kurdish woman, part of a group coming from Afrin, told me in broken English her husband was killed, and she is here alone with three children. There is one water tap in the courtyard for up to 600 people. There are some chemical toilets that don’t get cleaned very often.

Bihac2

There are tensions sometimes between different nationalities. There are Afghans, Pakistanis, Iranians, Indians,  Kurds from Iraq, Syria and Turkey, Iraqi Arabs, a few other Arabs from Algeria, Tunisia, Libya, sometimes Syrians, and a couple Black Africans. There is a lot of solidarity among people, they understand they are all suffering and sympathize with each other. I would think it is a good community, in fact the situation does not explode, the atmosphere in the broken and overcrowded house is good most of the time but sometimes there are fights. Many people complain about being mixed all together, especially the families. The park where this 5 star hotel is situated is very beautiful, many people go to sit there under the trees during the day, instead of staying in the smelly building. There is a monument to the Resistance in the park, with a freedom fighter holding a gun, another is lying down, wounded or dying, and hundreds of stones are scattered in the park carrying the names of the people of Bihac who lost their lives fighting historical fascism.

Bihac3.jpg

This informal camp of Bihac is receiving no support whatsoever from the State. All support comes from local people, who are very poor themselves, most young people have to migrate in search for work. Refugees say Bosnian people are very good. Aid is distributed via volunteers: whatever  I think of the Red Cross in general, the local group in Bihac are very good, though badly starved of cash and resources. Most of the work is done by unpaid volunteers, most of whom are of school age: the minors stay in the warehouse sorting clothes, those who are 18 or over go to the camps, working very hard and for long hours under the guidance of a few supervisors, many  are not much older, The volunteers are great, very nice and good communicators, a bright example of the generosity of the Bosnian people, who also suffered a most devastating war very recently. Many houses are still scarred by bullets. The Red Cross distribute a small lunch, and clothes when they have clothes to distribute, while the IOM give some tents and run some showers. There is no medical care whatsoever except in emergencies because there is no funding for it. There is a scabies epidemic, and people with respiratory diseases and sick stomach. 

The Italian group One Bridge To Idomeni have paid a visit to Bosnia (Bihac and Velika Kladusa) on the 2nd -3rd June, pledging to send humanitarian aid, and volunteers at the week ends. More volunteers are needed. Collections are most needed, as people are lacking the very basics such as food and clothing, the wish list is below.

There is a project to make a park for the children in Bihac where they can play, as they are behaving wildly. In particular they like running after vehicles, open them and get inside. Every vehicle that enters the courtyard gets immediately attacked by bands of kids. I saw a little boy of about four showing a younger boy how to open a Red Cross van. On another occasion the police was called, apparenly because some adult was selling room to stay to newly arrived people, when they can stay for free. In no time a gang of kids got in the police car, and took the steering wheel. Kids always make their fun as they can.

Photos by Lorena Fornasir, independent vounteer involved in supporting Bihac camp https://www.paypal.me/lorenafornasir

For donations to Bihac and Velika Kladusa via One Bridge To Idomeni :

IBAN IT95S0501812101000012405106

One Bridge To Idomeni Onlus http://www.onebridgetoidomeni.com/

Wish list below the photos (clothes, food, nappies…)

Bihac5

 

Wish list:

Second hand clothes in good condition, sporty/casual, size M/S for men, M/S for women, children clothes: trousers, jumpers, jackets, T shirts, underwear, socks.

SHOES sporty/ trainers /boots size 40 – 44 for men, 35 – 40 women, children shoes.

Blankets and sleeping bags, tents, mattresses.

Hygiene products like soap, shampoo, toothpaste, toothbrushes, razors, nappies for the kids, sanitary towels (no tampons). 

Food: Rice, dry beans, lentils, canned beans, fresh vegetables, canned vegetables/ tomatoes, cooking oil, canned fish, dry food like biscuits and crackers. People who have no money are not eating enough. 

MONEY to buy the above. 

 

Bosnia e la “nuova rotta balcaninca”/ Bihac

Un numero crescente di rifugiati e altri migranti sta utilizzando la nuova rotta balcanica attraverso l’Albania, il Montenegro e la Bosnia per raggiungere l’UE. Molti sono passati di recente in Bosnia dalla Serbia. Si stima che vi siano ora in Bosnia da 4000 a 5000 migranti, la maggior parte dei quali vuole continuare verso nord. I numeri sono una scommessa, dal momento che le persone sono in movimento e la maggior parte non sono nei campi ufficiali. Sono costretti nelle condizioni di vita più squallide dall’abbandono deliberato da parte dello Stato. Secondo un recente rapporto di Human Rights Watch, la Bosnia “non protegge i richiedenti asilo” http://www.infomigrants.net/en/post/8951/hrw-bosnia-is-failing-to-protect-asylum-seekers

3270 sono nei campi ufficiali in Serbia, secondo le autorità; nessun dato per coloro che non sono nei campi. Centinaia di migliaia di migranti e rifugiati hanno attraversato la rotta balcanica nel 2015, cercando di raggiungere l’Europa occidentale, ma Bosnia, Montenegro e Albania non erano per lo più parte di quella rotta, che è stata in parte chiusa nel 2016 attraverso l’aumento dei controlli alle frontiere e chilometri di barriere di filo spinato. La gente attraversa ancora i Balcani, ma è molto più difficile, i passeurs ingrassano e il “la fiumana umana” è diventata un rivolo. Per affrontare questa nuova “crisi dei rifugiati”, le autorità della regione hanno tenuto un incontro a Sarajevo il 7 giugno, a cui hanno partecipato anche l’Ungheria e l’Austria. Obiettivo dell’incontro è evitare la “crisi” del 2015 e rafforzare la cooperazione tra gli Stati per impedire alle persone di attraversare le frontiere. È stata menzionata la possibile creazione di un nuovo database di dati biometrici, per garantire che coloro che entrano non siano già stati rifiutati dagli Stati dell’UE. Lo stesso giorno, l’UE ha annunciato che darà 1.5 milioni di euro alla Bosnia per gestire la “crisi”.

Il confine croato è già molto difficile da attraversare e la violenza della polizia è molto alta. Nella notte tra il 30 e il 31 maggio, la polizia croata ha aperto il fuoco su un furgone che trasportava dei migranti dalla Bosnia, ferendo gravemente due bambini di 12 anni, un ragazzo e una ragazza, che sono stati sottoposti a cure intensive. C’erano 29 persone nel furgone, 15 erano bambini, il più giovane di 7 anni. In totale, 7 persone sono finite in ospedale. Entrambi i bambini hanno ferite sul viso da colpi di arma da fuoco. Uno di loro è stato trasferito all’ospedale di Zagabria per l’ulteriore chirurgia ricostruttiva della mascella e del viso. Un uomo è stato colpito e ferito dalla polizia croata il 6 giugno. https://medium.com/are-you-syrious/ays-daily-digest-31-05-2018-two-refugee-children-shot-by-croatian-police-5c3c811e0f07

Ci sono molti altri resoconti di brutalità da parte della polizia in Croazia, tra cui spray al peperoncino, attacchi di cani, pestaggi selvaggi e alcune ossa rotte. Una donna ha abortito dopo essere stata picchiata dalla polizia croata. La confisca di denaro e oggetti personali sebbene illegale è pratica comune, così come la distruzione dei telefoni cellulari. I respingimenti di persone che sono già sul territorio croato sono illegali ma un evento comune. L’UNHR ha registrato 3000 casi di respingimenti illegali dalla Croazia nel 2017, potrebbe essere la punta dell’iceberg. Medicins Sans Frontieres ha registrato 7 morti al confine con la Croazia nello stesso anno, i numeri reali potrebbero essere più alti. Una bambina afgana di 6 anni, Madina Hussiny, è morta dopo essere stata investita da un treno, dopo un respingimento illegale da parte della polizia croata al confine serbo. La sua famiglia è stata detenuta per settimane dopo l’incidente, inclusi i bambini.

 https://www.theguardian.com/world/2017/dec/08/they-treated-her-like-a-dog-tragedy-of-the-six-year-old-killed-at-croatian-border

Ai pericoli di attraversare i confini si aggiunge il pericolo di mine inesplose rimaste dopo guerra.

Ci sono anche segnalazioni di respingimenti illegali dalla Slovenia. La Slovenia ha messo filo spinato per oltre 170 km lungo il confine croato nel 2017, migliorando il filo spinato del 2016. Le persone continuano a passare se sono fortunati, ma a volte devono vagare per giorni nei boschi. Molti migranti si lamentano che la gente del posto che chiama la polizia, in Croazia e anche in Slovenia. Un gruppo di iraniani tra cui una donna mi ha detto che vicino al confine italiano sono stati fermati e arrestati dalla polizia slovena, che li ha poi consegnati alla polizia croata. I poliziotti croati hanno preso i loro soldi e le loro cose, dicendo loro che li avrebbero restituiti al confine, ma al confine con la Bosnia i poliziotti si sono rifiutati di restituire denaro e zainetti, e siccome gli iraniani insistevano a domandare li hanno colpiti con i manganelli. Un uomo ha perso più di 1000 euro, tutto ciò che aveva. La polizia ha anche rotto tutti i loro telefoni cellulari e li ha restituiti alla Bosnia coi vestiti che indossavano. Un’altra donna ci ha detto piangendo, devastata dopo l’ennesimo respingimento, che aveva 18.000 euro: in pochi mesi ha perso tutto per pagare i passeurs, e la polizia ha preso i suoi ultimi soldi. La donna e suo marito erano ingegneri in Iran ed avevano una buona vita, sono stati costretti a fuggire dal regime.

Abbiamo visto la polizia arrestare una famiglia afgana in Slovenia, non lontano dal confine croato. Un poliziotto, inaspettatamente gentile e quasi amichevole, ci ha detto che li stavano portando all’ ospedale. Abbiamo parlato con la famiglia, un uomo che parla bene l’inglese e due donne che sono sua madre e la sua giovane moglie. Stavano camminando nella ‘giungla’ da quattro giorni. L’uomo ha avuto una distorsione alla caviglia slogata per una caduta, le due donne erano completamente esauste e stavano distese. Abbiamo dato loro acqua, frutta, biscotti e cioccolata, tutto cio’ che avevamo perché erano affamati e disidratati. Poi un furgone della polizia è arrivato a prenderli. In questo momento non siamo in grado di verificare se siano stati effettivamente portati all’ ospedale.

Questa famiglia proveniva da Bihac, dove eravamo appena stati. Un impiegato della Croce Rossa locale stima che ci potrebbero essere fino a 2000 persone migranti, 1500 nella cittadina di 60.000 abitanti, 500 che dormono nei boschi. Ancora una volta, i numeri sono ipotetici. La popolazione locale è molto ospitale. Ci sono da 300 a 500 persone a Velika Kladusa secondo varie stime, tra cui molte famiglie con bambini piccoli e donne incinte, accampati fuori, e ci sono circa 800 migranti a Sarajevo. Ci sono cibo e distribuzione di aiuti in tutti questi posti, fatto da volontari e le donazioni provengono quasi esclusivamente dalla popolazione locale. I migranti vengono prelevati da Sarajevo, 250 alla volta, caricati su bus in maniera piuttosto forzata, e portati a Salakovac, un campo ufficiale vicino a Mostar, 129 km a sud di Sarajevo. La maggior parte se ne vanno di nuovo per andare verso il confine.

Relazione da Bihac

A Bihac non esiste un campo ufficiale ma due edifici fatiscenti dove la gente dorme. Uno è un enorme edificio la cui costruzione è stata abbandonata a causa della guerra, è occupata e ospita solo uomini singoli. Nell’altro edificio, in condizioni non migliori, le persone sono state autorizzate a rimanere dall’amministrazione comunale locale, ma l’edificio è molto pericoloso e malsano. Le finestre non hanno vetri e non ci sono ringhiere per le scale. Il sovraffollamento è molto grave e le famiglie con bambini piccoli e neonati sono mescolate con uomini adulti. Non ci sono uscite di sicurezza: se scoppiasse un incendio o una rissa, la gente non avrebbe scampo. Ci sono molte donne, bambini e adolescenti. Ho visto una donna anziana tenere in braccio un bambino, questa famiglia dorme nello stanzone più affollato, come la maggior parte delle famiglie, perché non è umido, altrove la pioggia filtra all’interno. Una donna kurda, parte di un gruppo proveniente da Afrin, mi ha detto in inglese stentato che suo marito è stato ucciso, ed è qui da sola con tre figli. C’è un solo rubinetto dell’acqua nel cortile per fino a 600 persone. Ci sono alcuni gabinetti chimici che non vengono puliti molto spesso.

Ci sono tensioni a volte tra diverse nazionalità. Ci sono afgani, pakistani, iraniani, indiani, curdi dall’Iraq, Siria e Turchia, arabi iracheni, altri arabi dall’Algeria, dalla Tunisia, dalla Libia, a volte siriani e un paio di neri africani. C’è molta solidarietà tra le persone, capiscono che sono tutte in una situazione di sofferenza e sono solidali gli uni con gli altri. Penserei che si tatti di una buona comunità, infatti la situazione non esplode, l’atmosfera nel palazzone derelitto e sovraffollato è buona, la maggior parte del tempo, ma a volte ci sono risse. Molte persone si lamentano per essere mescolati tutti insieme, specialmente le famiglie. Il parco dove si trova questo hotel a 5 stelle è molto bello, molti vanno a sedersi sotto gli alberi durante il giorno, invece di stare nell’edificio maleodorante. C’è un monumento alla Resistenza nel parco, con un combattente per la libertà che tiene un fucile, un altro è sdraiato, ferito o morente, e centinaia di pietre sono sparse nel parco che portano i nomi della gente di Bihac che perse la vita combattendo  il fascismo storico.

Questo campo informale di Bihac non riceve alcun sostegno dallo Stato. Tutto il sostegno viene dalla popolazione locale, che è molto povera, la maggior parte dei giovani deve migrare in cerca di lavoro. I rifugiati dicono che i bosniaci sono molto bravi. L’aiuto è distribuito tramite volontari: qualunque cosa io pensi della Croce Rossa in generale, il gruppo locale di Bihac sono molto bravi, anche se mancano grandemente di denaro e risorse. La maggior parte del lavoro è svolto da volontari non retribuiti, la maggior parte dei quali sono in età scolare: i minori rimangono nel magazzino per smistare i vestiti, quelli che hanno 18 anni o più vanno nei campi profughi informali, lavorando duramente e per lunghe ore sotto la guida di un pochi supervisori, spesso non molto più anziani; i volontari sono splendidi, molto simpatici e buoni comunicatori, un brillante esempio della generosità del popolo bosniaco, che ha anche sofferto una devastante guerra di recente. Molte case sono ancora segnate dalle pallottole. La Croce Rossa distribuisce un piccolo pranzo una volta al giorno, e vestiti quando hanno vestiti da distribuire, mentre l’OIM dà delle tende e fornisce delle docce. Non ci sono cure mediche di alcun genere tranne che nelle emergenze perché non ci sono finanziamenti per questo. C’è un’epidemia di scabbia e persone con malattie respiratorie e di stomaco.

Il gruppo italiano One Bridge To Idomeni ha fatto visita in Bosnia (Bihac e Velika Kladusa) dal 2 al 3 giugno, impegnandosi a inviare aiuti umanitari, e volontari durante i fine settimana. Sono necessari più volontari. Raccolte di soldi e materiali sono estremamante necessarie, poiché mancano le cose piu essenziali, come cibo e vestiti, la lista di cio che serve è  sotto.

C’è un progetto per creare un parco per i bambini a Bihac dove possono giocare, visto che si comportano selvaggiamante. In particolare a loro piace correre dietro ai veicoli, aprirli ed entrare. Ogni veicolo che entra nel cortile viene immediatamente attaccato da bande di bambini. Ho visto un bambino di circa quattro anni che mostrava ad un bambino più piccolo come aprire un furgone della Croce Rossa. In un’altra occasione qualcuno ha chiamato la polizia, apparentemente perché alcuni adulti stavano vendendo stanze ai nuovi arrivati, quando chiunque puo rimanere gratuitamente. In pochissimo tempo una banda di bambini sono saliti nella macchina della polizia e hanno preso il volante. I bambini si divertono sempre come possono.

Foto (vedi testo inglese) di Lorena Fornasir, volontaria indipendente impegnata nel sostenere il campo di Bihac https://www.paypal.me/lorenafornasir

Per  donazioni a Bihac e Velika Kladusa tramite One Bridge To Idomeni:

IBAN IT95S0501812101000012405106

One Bridge To Idomeni Onlus http://www.onebridgetoidomeni.com/

 

 

Lista dei desideri:

Abbigliamento di seconda mano in buone condizioni, sportivo /casual, taglia M/S per uomo, M/S per donna, abbigliamento per bambini. Pantaloni, maglioni, giacche, magliette, biancheria intima, calze.

SCARPE sportive / scarpe da ginnastica /scarponcini taglia 40 – 44 per uomo, 35 – 40 donna, scarpe per bambini.

Coperte e sacchi a pelo, tende, materassi.

Prodotti per l’igiene come sapone, shampoo, dentifricio, spazzolini da denti, rasoi, pannolini per i bambini, assorbenti igienici (non tamponi).

Cibo: riso, fagioli secchi, lenticchie fagioli in scatola, verdure fresche, verdure e pomodori in scatola, olio di semi, pesce in scatola, cibo secco come biscotti e crackers. Le persone che non hanno soldi non stanno mangiando abbastanza.

SOLDI per acquistare quanto sopra.

Annunci